Navigazione veloce

Vajont – L’onda della morte

A scuola non muore il ricordo del Vajont. Per saperne di più, leggi l’articolo.

News – 18 ottobre 2017

[Per consultare l’archivio, clicca qui.]

Giornata per ricordare l’onda della morte

Longarone, 13 ottobre 2017 – Il 12 ottobre le classi terze sono andate alla diga del Vajont, famosa per il disastro accaduto il 9 ottobre 1963. Arrivati alla diga il Sig. Furlan ci ha spiegato l’accaduto e ci ha accompagnati ad attraversare la grande diga. Da lì una vista spettacolare, ma non la consiglierei alle persone che soffrono di vertigini. Una volta riattraversata la diga, il Sig. Furlan ci ha lasciati e siamo andati a visitare il cimitero di Fortogna, dove sono state sepolte tutte le 2000 vittime ritrovate. Sopra il cimitero ci sono delle foto e degli oggetti ritrovati, una cosa incredibile. Come ultima tappa, abbiamo visitato il museo di Longarone, anche questo pieno di ricordi.

Valentina, 3 A

 

Gita al Vajont

Giovedì 12 ottobre siamo andati a visitare la diga del Vajont con le classi terze. Siamo partiti dalla scuola alle 8:15 con una guida che ci ha spiegato che cosa, come e perché era successo il disastro il 9 ottobre del 1963, alle ore 22:39. Dopo aver visitato la diga, siamo andati al cimitero di Fortogna dove ci sono quasi tutte le vittime del Vajont che sono quasi 2000, anche se di certe non è più stato ritrovato il corpo. Alla fine siamo andati a Longarone presso il Centro culturale dove c’erano tutte le foto di quello che era successo e c’era anche un modellino della diga e del paesaggio. Poi alle 11.40 siamo tornati a scuola.

Leonardo, 3 A

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.